UN PO DI STORIA

L’ associazione Italia Nostra opera sul suolo italiano dal 1958, ovvero con il suo riconoscimento ufficiale con l’emanazione del decreto presidenziale ed è’ considerata una delle associazioni ambientaliste più antiche presenti in Italia.

Inizialmente incominciata come una campagna settoriale per la sensibilizzazione alla tutela ambientale ed artistica era territorialmente  limitata contro lo sventramento di un isolato nel centro storico di Roma, ma presto allargò il suo campo di attività  a tutto il territorio nazionale allo scopo di «proteggere i beni culturali e ambientali», come da slogan associativo.

ITALIA NOSTRA IN ALESSANDRIA

La sezione Alessandrina di Italia Nostra si è sempre adoperata con grande tempestività e professionalità alla tutela del patrimonio ambientale.

Granzie al lavoro di esperti volontari che da diversi anni mettono a disposizione le loro competenze per l’associazione; sono state combattute diverse battaglie per la conservazione dei tesori storico-artistici presenti nella provincia di Alessandria, che avrebbero avuto il rischio di sparire per sempre nell’indifferenza generale.

I TESORI ALESSANDRINI

CITTADELLA

La fortezza della Cittadella di Alessandria é sicuramente tra le strutture militari meglio conservate; sorge lungo la sponda sinistra del fiume Tanaro. Monumento nazionale, l’edificio è candidato per entrare nella lista dei monumenti Patrimonio dell’ Umanità  UNESCO. La Cittadella di Alessandria vanta il primato di essere il primo edificio nella storia d’Italia sul quale venne innalzato il tricolore, nel 1821. La Cittadella di Alessandria è stata progettata da Ignazio Bertola, importante ingegnere militare; la pianta è stellare; in corrispondenza di ogni punta ci sono sei baluardi, attorniati da profondi fossati. Per realizzare l’edificio, fortemente voluto da Vittorio Amedeo II di Savoia, fu demolito l’intero quartiere di Borgoglio. Il progetto per la costruzione dell’ edificio si inserivano all’interno di un più vasto programma di fortificazione dell’intera zona: la Cittadella doveva costituire il punto di riferimento tra tutto il sistema difensivo. I lavori di costruzione terminarono nel 1728.

L’Arco di Trionfo, raro esempio di arco settecentesco, situato  nell’area centrale della città  di Alessandriaal termine di via Dante in Piazza Matteotti, il cui nome era in origine piazza Genova,

E’ frutto del piano di sviluppo urbano approvato nel 1904. Solo negli anni Venti tuttavia acquistA l’aspetto che ancora oggi la caratterizza, con gli eleganti edifici residenziali in stile art nouveau sui lati nord e sud.

Venne costruito nel 1768 su progetto di Giuseppe Caselli, per ricordare la visita, avvenuta nel 1765, di Vittorio Amedeo III e Maria Antonia Ferdinanda di Borbone, re e regina del Regno di Sardegna.

E’ stato restaurato due volte durante il XIX secolo.

arco